Conferenza Rimini Animatori del RnS 2017

Print Friendly, PDF & Email

Quest’anno il Palacongressi di Rimini, ospita oltre 4000 animatori del Rinnovamento nello Spirito Santo, giunti da ogni parte d’Italia per l’annuale appuntamento rivolto ai responsabili, agli animatori e agli anziani del cammino. Ci siamo anche noi della Comunità Hosanna di Modena per attingere a piene mani e con cuore aperto a quello che lo Spirito ha preparato per noi.

Il tema è: «Riguardo ai doni dello Spirito non voglio lasciarvi nellignoranza» (1 Cor 12, 1).  “Per essere comunità carismatiche – missionarie”, indica la volontà di approfondire il tema dei carismi, della loro natura e della prassi in atto nei Gruppi e Comunità, al fine di consolidarne l’esperienza, certamente, ma soprattutto di rispondere all’appello di Papa Francesco alla conversione pastorale in senso missionario.

Dopo la preghiera Comunitaria Carismatica in cui siamo invitati ad uscire dal cenacolo: «Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra (At 1, 8)» ascoltiamo le parole del Coordinatore Nazionale Mario Landi che ci ricorda che siamo “chiamati alla comunione”.

Parla anche di ritardi, disattenzioni, atteggiamenti non ispirati alla carità che talvolta, nei gruppi, nelle comunità e ai vari livelli di servizio, dipendono da una mancanza di conoscenza profonda della realtà spirituale e carismatica del RnS. «C’è bisogno di una nuova Pentecoste – continua sottolineando l’importanza dell’esperienza personale e comunitaria dell’Effusione -, e tutto il resto verrà di conseguenza. Vita nello Spirito, vita carismatica, conversione permanente, vita fraterna sono così intimamente connesse che non è possibile vivere con autenticità una di queste dimensioni senza essere coinvolti nelle altre».

Infine afferma come siano necessari, per crescere nelle relazioni fraterne, «la condivisione dei beni materiali e spirituali e l’essere uniti nella preghiera, uniti nella vita, uniti nelle povertà e nelle prove». Di qui la possibilità e la responsabilità della missione. Allora «il nostro servizio carismatico si fa “carità” nella storia andando incontro alle diverse fragilità dell’uomo con la forza e la potenza dello Spirito Santo».

Toccanti le parole di uno degli iniziatori del Rinnovamento Carismatico Mondiale: Ralph Martin.

In apertura, ringrazia il Rinnovamento italiano perché è di grande ispirazione al movimento carismatico di tutto il mondo, per il modo in cui i suoi responsabili si spendono, per l’impegno nella formazione, anche attraverso le pubblicazioni, per il recente, grande contributo alla celebrazione del Giubileo del Rinnovamento nel mondo.

Ralph delinea poi la storia di come lo Spirito Santo agisce nella storia della Chiesa: prima la costruisce con l’effusione dello Spirito su Pietro, sugli apostoli e su Maria, poi con l’effusione su nuove comunità di gentili che – come tanti oggi – hanno avuto bisogno che qualcuno parlasse loro dello Spirito Santo.

Il dono dello Spirito non è un’esperienza che deve rimanere confinata nel tempo – continua a spiegare Ralph Martin -, non è solo per i santi, non è solo per i responsabili, ma è per tutti. Grazie all’esperienza dello Spirito – che non è solo carismatica ma anche contemplativa -, si ha la chiarezza di chi è Gesù e si è spinti a entrare nella sua vita fino a dare la vita per lui mediante la potenza dello Spirito Santo.

Ralph Martin dedica l’ultima parte del suo intervento al racconto dell’apparizione di Maria ai tre pastorelli di Fatima, esempio lampante di come l’esperienza straordinaria di conversione abbia portato dei normalissimi bambini a fare straordinari sacrifici per la conversione delle anime, e delle sue implicazioni nell’oggi.

Il terzo giorno ascoltiamo le parole di Rogério Soares Dos Santos, già membro del Consiglio nazionale del Rinnovamento carismatico cattolico in Brasile, che riflette sul tema: «Vi sono diversi carismi, ma uno solo è lo Spirito; vi sono diversi ministeri, ma uno solo è il Signore; vi sono diverse attività, ma uno solo è Dio che opera tutto in tutti» (1 Cor 12, 4-6). “Il discepolato e la ministerialità carismatica”.

Partendo dal passo paolino, si chiede cosa significhi “esercitare bene” un carisma: «Innanzitutto riconoscere Dio come unica fonte dei doni spirituali, poi essere consapevoli che il carisma abilita alla missione; la sua utilità è il bene comune della Chiesa». A proposito dell’opera evangelizzatrice, Rogério Soares Dos Santos esorta con forza a “uscire” e raggiungere non solo le periferie “esistenziali”, ma i luoghi in cui si decide il destino del mondo, perché «le verità del Vangelo vengano rappresentate in ogni dimensione della società».

Rogèrio sottolinea poi la dimensione comunitaria dei doni dello Spirito i quali, dice, «ci rendono servi gli uni degli altri», e concludendo ripete: «Se la Chiesa è chiamata a essere “Chiesa in uscita”, anche i nostri ministeri devono rendersi “ministeri in uscita”, “gruppi di preghiera in uscita”, ”comunità in uscita”! Non è più il tempo di aspettare che gli altri vengano da noi. Il “potere” spirituale ci viene dato per trasformare il cuore degli uomini e le istituzioni».

Due pomeriggi dedicati all’approfondomento della vita carismatica attraverso una serie di simposi dedicati sia ai neo effusionati che agli animatori più maturi nel cammino. Questi i temi trattati:

“L’esperienza dello Spirito Santo nell’accoglienza”, “L’esperienza dello Spirito Santo nella lode e nel canto in lingue”,  “L’esperienza dello Spirito Santo nella profezia”,  “L’esperienza dello Spirito Santo nella preghiera di intercessione”, “L’esperienza dello Spirito nel servizio pastorale”, “L’esperienza dello Spirito Santo nel discernimento”, “L’esperienza dello Spirito Santo nell’evangelizzazione comunitaria”, “L’esperienza dello Spirito Santo nella liberazione”,  Discepolato carismatico e vita fraterna e comunitaria”,  “Discepolato carismatico e famiglia”, “Discepolato carismatico e servizio all’uomo nelle povertà spirituali e morali”, “Discepolato carismatico e ministerialità missionaria”, “Discepolato carismatico e accompagnamento spirituale”, “Discepolato carismatico e formazione permanente”, “Discepolato carismatico e vita ecclesiale”, “Discepolato carismatico e segni dei tempi per una cultura della Pentecoste”.

A conclusione della Conferenza le parole del Presidente Salvatore Martinez ci ricordano che «Non solo sarai dissetato, ma fiumi d’acqua ti invaderanno, ti travolgeranno, da te strariperanno sulla Chiesa e sul mondo», citando don Serafino Falvo, pioniere del Rinnovamento in Italia, Salvatore Martinez esprime la forza della dimensione profetica del Rinnovamento e invita a nutrire una fiducia assoluta nell’azione dello Spirito: «Da cinquant’anni – esordisce nella sua relazione finale – non ci stanchiamo di preparare la venuta del Signore. Una venuta che abbiamo il dovere di testimoniare in ogni ambito della società».

«Battesimo nello Spirito Santo, lode, servizio all’uomo. Le tre cose sono indissolubilmente unite… non verremo giudicati per la nostra lode ma per quanto abbiamo fatto per Gesù». “Missionarietà carismatica e servizio all’uomo”. Questo il tema di una relazione in cui il Presidente RnS – riprendendo le parole di Papa Francesco il 3 giugno scorso, durante il Giubileo d’oro del Rinnovamento carismatico cattolico – ripercorre le tre caratteristiche identitarie del RnS, tutte profondamente legate all’essere comunità, fraternità carismatiche e missionarie. Martinez richiama dunque responsabili e animatori a coltivare la via carismatica, che è la via dell’amore, a vivere il Rinnovamento “nella carne”, in relazioni fraterne vere, autentiche, non virtuali, non digitali; a dedicarsi innanzitutto ora – dopo aver dato molto spazio alle dimensioni kerigmatico-carismatico e pastorale – a quella della comunione, vissuta nella carità di Dio.

Sotto i video di alcuni momenti della conferenza.

Alleluia! Gesù è il Signore!

 

Gloria gloria gloria io l’ho incontrato!

Cantiam al Signor grande nell’amor!

Preghiera per una rinnovata effusione con Ralph Martin

Innalziam con gioia la Signor!

Questo è il di che il Signor ci da!

Preghiera Comunitaria Carismatica

Autore dell'articolo: Comunità Hosanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *