Chiamati ad intercedere

Print Friendly, PDF & Email

Che cosa significa Intercessione?
Per rispondere a questa domanda prima di tutto sono andato a consultare il dizionario per comprendere l’origine etimologia di questo termine e li si legge: “nella teologia cattolica, l’intervento di una creatura presso Dio a favore di altra creatura”.
Quindi potremmo dire che attraverso la preghiera di intercessione Dio fa qualcosa attraverso di noi. Secondo il Catechismo della Chiesa Cattolica, “l’intercessione è una preghiera di domanda che ci porta a pregare come faceva Gesù. Egli è l’unico intercessore presso il Padre in favore di tutti gli uomini, specialmente i peccatori “(n. 2634 ).
“Proprio per questo, nei giorni della sua vita terrena, egli offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime a colui che poteva liberarlo da morte e fu esaudito per la sua pietà” ( Eb 5,7 ).
Gesù trascorse l’intera notte in preghiera prima di scegliere i suoi discepoli e avvertì Pietro dicendogli queste parole: “ecco satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli” ( Lc 22,31-32 ). Gesù disse: “Io ho pregato per te”.
Egli intercede ancora più intensamente durante la sua agonia nel Giardino del Getsemani dicendo: “Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi … Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me” ( Gv 17:9-26 ).
San Paolo nelle sua lettera ai Romani scrive: “Chi condannerà? Cristo Gesù, che è morto, anzi, che è risuscitato, sta alla destra di Dio e intercede per noi?”(Rm 8,34). “Perciò può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si accostano a Dio, essendo egli sempre vivo per intercedere a loro favore.” ( Eb 7,25).
Abramo, Mosè, Elia, Giobbe e Amos sono stati dei grandi intercessori dell’Antico Testamento.
Parlando attraverso Abramo, il Signore disse ad Abimelec: “Ora restituisci la donna di quest’uomo: egli è un profeta: preghi egli per te e tu vivrai.” (Gen 20,7).
È a causa del suo potere di intercessione ( Gn 18:22-33 ) che Abramo ha meritato di essere chiamato profeta (Gen 20,7).
In effetti, i profeti erano uomini di preghiera : Elia ( 1 Re 18:36 ) , Samuele ( Ger 15:01 ) e Amos ( Amos 7:1-6 ).
La tradizione ebraica ricorda Geremia come un uomo che “prega molto per il popolo e la città santa” e possiamo notare come l’intercessione è stata considerata una funzione essenziale della funzione profetica.
Leggiamo infatti in Geremia 27:28: “Se davvero sono profeti , e se la parola del Signore è con loro , poi lasciarli intercedere presso il Signore degli eserciti”.
Come il profeta dovrebbe essere il portavoce di Dio in mezzo al popolo, così è lui ad essere il mediatore dei loro bisogni davanti a Dio. Ecco perché Samuele comprese che era un peccato non pregare per il suo popolo: “Quanto a me, non sia mai che io pecchi contro il Signore, tralasciando di supplicare per voi e di indicarvi la via buona e retta.” ( 1 Sam 12 : 23 ).
Anche San Paolo comprese perfettamente questa responsabilità ed infatti intercedeva per le comunità che erano sotto la sua cura spirituale.
“E oltre a tutto questo, il mio assillo quotidiano, la preoccupazione per tutte le Chiese.” ( 2 Cor 11:28-29 ) arrivando fino a dire “figlioli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finché non sia formato Cristo in voi!” ( Gal 4,19 ).
Paolo ci invita inoltre a pregare senza tregua, incessantemente: “Perciò anche noi, da quando abbiamo saputo questo, non cessiamo di pregare per voi, e di chiedere che abbiate una conoscenza piena della sua volontà con ogni sapienza e intelligenza spirituale, 10 perché possiate comportarvi in maniera degna del Signore, per piacergli in tutto, portando frutto in ogni opera buona e crescendo nella conoscenza di Dio” ( Col 1:09 -10 ).
Possiamo dire infine che tutta la storia della Chiesa è piena di esempi di uomini e donne, santi e non, che hanno interceduto per gli altri mostrando attraverso la loro preghiera molti benefici.
La domanda che mi pongo a questo punto è: Crediamo veramente nell’efficacia della preghiera di intercessione?
Perché Egli è “in grado di fare molto più di quanto possiamo domandare o pensare, secondo la potenza che già opera in noi”
( Ef 3,20).
Noi infine abbiamo questa certezza che viene direttamente da Gesù che ci dice: “E tutto quello che chiederete con fede nella preghiera, lo otterrete.” ( Mt 21:22 ).

Autore dell'articolo: Comunità Hosanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *